Supporto psicologico

Frustrazione relativa all’impotenza maschile. Poiché la disfunzione erettile ha un impatto significativo sul morale degli uomini che soffrono, è interessante consultare un terapeuta, anche se ha una causa organica. In effetti, un circolo vizioso, legato all’ansia, può prendere piede, che può interrompere il corretto funzionamento del trattamento messo in atto. La consultazione di uno psicologo o di un sessuologo può stabilire un dialogo e superare le ansie che possono sorgere negli uomini che affrontano la disfunzione erettile e ridurre l’impatto sulla propria vita, sia che si tenti di essere rifiutati o abbandonati dal proprio partner, sia che si abbia una perdita di fiducia in esso. Se viene identificata una relazione tra un evento e l’insorgenza di problemi di erezione, o un problema coniugale, può essere offerto un follow up psicologico al paziente. Cinque approcci sono particolarmente usati nella sessuologia:
La terapia cognitivo-comportamentale, che identificando e disinnescando i pensieri negativi sulla sessualità, aiuterà a spezzare il circolo vizioso;
L’approccio sistemico, che mira a studiare l’interazione tra coniugi o partner e il loro effetto sulla loro vita sessuale, è quello che viene spesso chiamato “terapia di coppia”;
L’approccio analitico, per cercare di risolvere i conflitti interni all’origine della disfunzione erettile analizzando l’immaginario e le fantasie erotiche;
L’approccio esistenziale, per aiutare la persona nella sua percezione delle sue difficoltà sessuali e per conoscere meglio l’approccio sessocorporale, che terrà conto degli inseparabili legami corpo – emozioni – intelletto, e per ristabilire una sessualità soddisfacente anche a livello personale che relazionale.
Queste terapie possono naturalmente essere associate a un trattamento farmacologico.